SEO Approfondimento sul “SEO WordPress”

Sommario

introduzione

Benvenuti nel SEO Deep Dive di LinkLoomer, dove eliminiamo la confusione per tuffarci direttamente nel mondo del "SEO WordPress". La nostra missione è chiara: fornirti un’analisi approfondita supportata da dati, priva di abbellimenti o complessità inutili.

In questa immersione profonda, eliminiamo la complessità e ci concentriamo su ciò che conta di più. Ti forniamo approfondimenti utilizzabili basati su prove. Dalle strategie per le parole chiave agli aspetti tecnici del SEO, non lasciamo nulla di intentato.

Il nostro impegno è fornirti indicazioni pratiche che potrai mettere in atto immediatamente. Che tu voglia migliorare il posizionamento nei motori di ricerca, aumentare il traffico organico o esplorare il mondo in continua evoluzione della SEO, la nostra analisi è la tua risorsa fidata.

Scopo dell'analisi

In questo approfondimento, forniamo un'analisi basata sui dati della SEO di WordPress, concentrandoci su informazioni fruibili. Il nostro obiettivo è offrire una guida pratica per migliorare il posizionamento nei motori di ricerca, il traffico organico e le prestazioni SEO complessive.

Di seguito è riportata una ripartizione dettagliata di 16 domini (i primi 16 risultati di ricerca di Google) del termine “WordPress SEO”, evidenziandone le metriche uniche e l’impronta digitale.

Posizione nella SERP Dominio Evidenziazione metrica
#1

Vantando la massima autorità di dominio e pagina nell'elenco.

#2

Un ampio conteggio delle parole rivela una guida SEO approfondita.

#3

Il peso dell'importanza del nome di dominio senza parole chiave,

#4

Metriche a tutto tondo indicano una piattaforma SEO versatile.

#5

Molti contenuti e DA/PA elevati vanno alla grande per Yoast SEO.

#6

Dominante con contenuti scarsi ma un'architettura finemente sintonizzata.

#7

Punteggio ad alte prestazioni abbinato a vasti follower su Facebook.

#8

Un punteggio di prestazione perfetto con contenuti completi.

#9

Offre i contenuti più estesi dell'elenco.

#10

Leads with the highest occurrence of the term "SEO".

#11

Offre la massima velocità di pagina, garantendo una rapida consegna dei contenuti.

#12

Un flusso di fiducia impressionante segnala affidabilità e credibilità [Vai all'analisi ↘️]

#13

Alto livello di impegno sociale.

#14

Dominante con contenuti scarsi ma un'architettura finemente sintonizzata.

#15

Punteggio delle prestazioni quasi impeccabile.

#16

Forte presenza su più parametri.

Questa analisi completa analizzerà le complessità della SEO, coprendo le metriche di strumenti come Ahrefs, Moz e Majestic. Esploreremo anche l'influenza dell'autorità del dominio principale e la confronteremo con l'impatto delle pagine di riferimento per l'esatto posizionamento degli URL per la parola chiave "WordPress SEO". Il nostro obiettivo è comprendere le strategie, individuare anomalie e ricavare informazioni utili.

Cominciamo con la velocità della pagina.

Velocità della pagina

L'importanza della velocità della pagina

Velocità della pagina ed esperienza utente:

La velocità della pagina non è solo una questione di spuntare una casella per i motori di ricerca, ma influisce direttamente sull’esperienza dell’utente. Quando gli utenti incontrano pagine a caricamento lento, è più probabile che rimbalzino, con conseguente potenziale perdita di conversioni e diminuzione del coinvolgimento.

Vantaggio storico per siti Web più veloci:

È stato osservato che i siti web che si caricano più velocemente in genere assicurano posizioni più elevate nei risultati di ricerca di Google. Questa non è solo una coincidenza. I siti più veloci migliorano l'esperienza dell'utente, cosa che Google apprezza molto.

Le tecniche di valutazione di Google:

Nel corso degli anni, Google ha affinato i suoi metodi per valutare la velocità della pagina. Utilizzano le metriche Core Web Vitals e il proprio PageSpeed ​​Insights per valutare le prestazioni di un sito. Entrambi questi strumenti forniscono informazioni dettagliate sul rendimento di una pagina Web in condizioni reali.

Google ha costantemente evoluto i suoi criteri di classificazione. Dal 2010, la velocità del sito web è stata presa in considerazione per il posizionamento. Nel 2018, questo criterio è stato esteso ai risultati di ricerca mobile, riflettendo l’aumento dell’utilizzo di Internet mobile.

A partire dall’aprile 2023, Google ha preso la decisione significativa di rimuovere “l’esperienza sulla pagina” dalla pagina dei suoi sistemi di ranking. Questa decisione ha avuto ripercussioni in tutta la comunità SEO. Tuttavia, Google si è affrettata a chiarire che, sebbene la metrica “esperienza sulla pagina” sia stata rimossa, l’importanza della velocità della pagina è rimasta invariata.

L’equilibrio tra velocità e pertinenza:

È essenziale notare che la velocità non dovrebbe mai eclissare la pertinenza dei contenuti. Sebbene una pagina a caricamento rapido possa migliorare il posizionamento, se il contenuto non è pertinente alla query dell’utente, non manterrà né convertirà i visitatori.

Il primato della pertinenza dei contenuti:

Sebbene parametri come la velocità della pagina siano essenziali, non possono mettere in ombra pertinenza del contenuto, che rimane un fattore di ranking fondamentale. A seconda della query e della concorrenza, l'impatto della velocità della pagina può variare. Ciò sottolinea l’importanza di garantire che la qualità dei contenuti rimanga di prim’ordine.

Per concludere, sebbene la velocità della pagina sia innegabilmente un fattore critico di ranking, è altrettanto fondamentale garantire che i contenuti siano di alta qualità e pertinenti alle query degli utenti. Una strategia SEO efficace bilancia entrambi gli aspetti per ottenere risultati ottimali.

Dati sulla velocità e sulle prestazioni della pagina

Page speed & page performance

Here's a breakdown of each websites page speed & page performance.
Attiva/disattiva il filtro sottostante per analizzare il tempo di caricamento della pagina rispetto al punteggio delle prestazioni.

Findings from the page speed & performance data

Velocità della pagina e punteggio delle prestazioni:

La nostra analisi dei dati rivela un’osservazione interessante: non esiste alcuna correlazione evidente tra la velocità della pagina e il punteggio delle prestazioni. Sebbene il punteggio delle prestazioni si basi sulla necessità di ottimizzare specifici elementi del sito per ottenere risultati migliori (come sottolineato nel rapporto di mangools), non sembra avere una relazione diretta con la velocità di caricamento della pagina.

Decifrare il ruolo della velocità della pagina nel ranking:

Dai dati, è evidente che, sebbene la velocità della pagina abbia un ruolo nel ranking, non è la metrica determinante, soprattutto per una parola chiave altamente competitiva come “wordpress seo”. Entrano in gioco diversi parametri, rendendolo un gioco sfaccettato in cui nessun singolo parametro può garantire il primo posto.

Consigli per i prossimi siti web:

Nonostante questi risultati, è fondamentale non trascurare la velocità della pagina. Per i nuovi siti Web che desiderano lasciare un segno nella SERP per parole chiave specifiche e fresche, la velocità di caricamento della pagina può svolgere un ruolo più dominante. Poiché questi siti potrebbero non avere ancora il lusso di backlink, autorità di dominio o contenuti estesi, un sito a caricamento rapido può fornire loro un vantaggio. Pertanto, aderire alle linee guida per aumentare le prestazioni rimane una strategia valida.

Autorità del dominio e della pagina

Autorità di dominio e pagina

Autorità di pagina (PA) e Autorità di dominio (DA). Queste metriche offrono informazioni sul potenziale di un sito web di posizionarsi nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca (SERP). Qui, analizzeremo i fattori principali che contribuiscono sia a PA che a DA.

Fattori dell'autorità della pagina (PA):

  • Qualità e pertinenza dei collegamenti in entrata: Link in entrata pertinenti e di alta qualità da siti Web autorevoli aumentano significativamente l’autorità della pagina, segnalando affidabilità ai motori di ricerca.

  • Ottimizzazione sulla pagina: Tag del titolo, meta descrizioni e contenuti adeguatamente ottimizzati non solo migliorano l'esperienza dell'utente, ma migliorano anche la visibilità sui motori di ricerca, contribuendo ulteriormente all'autorità della pagina.

  • Concorrenza: È importante riconoscere che il panorama competitivo all’interno della tua nicchia può influenzare il tuo posizionamento, indipendentemente da quanto alta potrebbe essere la tua autorità sulla pagina.

Fattori dell'autorità di dominio (DA):

  • Qualità complessiva dei collegamenti in entrata: Il numero totale e la qualità dei collegamenti in entrata che puntano al tuo dominio svolgono un ruolo fondamentale nel determinare la tua autorità di dominio.

  • Pertinenza del contenuto: È essenziale produrre costantemente contenuti che siano in linea con gli interessi del tuo pubblico target e che siano pertinenti alle tue parole chiave target, supportando così la tua autorità di dominio.

  • Età e storia del sito web: I domini con una permanenza più lunga sul web tendono a ottenere punteggi di Domain Authority più alti a causa della loro presenza consolidata.

  • Qualità complessiva del sito web: Oltre al semplice contenuto, altri elementi come la velocità del sito, l'esperienza dell'utente e la robustezza tecnica influiscono sulla tua autorità di dominio.

  • Diversità del profilo di collegamento: Coltivare un profilo di collegamento diversificato da varie fonti affidabili rafforza l’autorità di dominio.

Nel quadro più ampio della SEO, sia la Page Authority che la Domain Authority sono metriche fondamentali. Tuttavia, sono componenti di un ecosistema più ampio. Per brillare davvero sui motori di ricerca, è necessario adottare un approccio globale, dando priorità a questi parametri e migliorando incessantemente la qualità complessiva e la pertinenza del sito web.

Dati sull'autorità del dominio e della pagina

Autorità del dominio e della pagina (dominio principale)

Ecco il grafico del dominio e dell'autorità della pagina del dominio principale

Il grafico presentato mostra i punteggi di Domain Authority (DA) e Page Authority (PA) per dominio principale (dominio principale) di ciascun sito web, non l'URL della pagina specifica. Questi punteggi riflettono la credibilità e l’affidabilità complessive del dominio nel suo insieme. Le metriche degli URL delle singole pagine verranno discusse e visualizzate in una sezione successiva di seguito.

Metriche ahrefs DR ignorate

Nonostante sia spesso citato nel mondo SEO, ho escluso il Domain Rank (DR) ahrefs dalla nostra analisi per il dominio root. La logica? All'esame, la metrica del ranking del dominio per i risultati SERP per questa parola chiave era quasi uniformemente elevata (ben superiore a 80) in tutti i domini, anche oltre i primi 50 risultati di ricerca. Pertanto, questa metrica non ha offerto approfondimenti unici o particolarmente utilizzabili in questo contesto.

Raccomandazione per la visualizzazione delle metriche Ahrefs

Sebbene il grafico aggreghi tre metriche: UR della pagina, Pagine di riferimento (URL esatto) e Domini di riferimento (URL esatto), si consiglia agli spettatori di attivare e disattivare i singoli filtri per maggiore chiarezza. Isolando ogni metrica, puoi approfondire le specifiche, acquisendo una comprensione più chiara del panorama dei dati.

Pagine e domini di riferimento

MOZ metric data for "WordPress SEO" exact URL data

The chart presented represents data from ahrefs, (exact URL reffering pages and domains) focusing on specific metrics that can provide insight into the search performance of domains for the keyword "WordPress SEO".

Osservazioni chiave dati sulle metriche ahrefs per “WordPress SEO”:

  • Anomalia di Forbes: Un notevole valore anomalo è Forbes. Il suo elevato Page UR, probabilmente attribuito alle sue vaste pagine indicizzate (oltre 15 milioni su Google) e alla sua elevata DA, non sembra garantirgli una corrispondente posizione SERP elevata. La possibile spiegazione? Forbes non è specializzato in argomenti SEO. Pertanto, Google potrebbe dare la priorità ai domini che producono costantemente contenuti incentrati sulla SEO, una tendenza che riteniamo favorevole.

  • Pagine di riferimento (RP): Ahrefs lo definisce come il numero di pagine web uniche che si collegano al target. È interessante notare che le prime tre posizioni SERP corrispondono ai primi tre risultati in questa metrica. Tuttavia, ci sono delle eccezioni, come Rankmath. Nonostante le sue forti statistiche RP suggeriscano un potenziale 4° posto, si è classificato al 10° posto. Allo stesso modo, Forbes, statisticamente posizionato al 5° posto basandosi esclusivamente su questo parametro, si trova al 16°.

  • Domini di riferimento: Questa metrica rivela il conteggio di domini distinti collegati all'URL specifico di ciascun sito web. Le osservazioni rispecchiano in gran parte i risultati di Referring Pages. Un'eccezione è wpbeginner.com, che, pur avendo 50.600 backlink, li ha ricevuti da soli 1.100 domini unici.

Il curioso caso di Forbes e le strategie di contenuto ampio

È intrigante individuare Forbes tra i primi risultati per “SEO di WordPress“, soprattutto considerando che non si tratta di un dominio esclusivamente incentrato sulla SEO. Arrivare al 16° posto può sembrare distante dall'ambita top 10, ma raggiungere questa posizione in un panorama di parole chiave così competitivo è degno di nota. Ciò ci porta a un’interessante considerazione sull’ampiezza rispetto alla profondità delle strategie di contenuto. Forbes, con la sua vasta gamma di argomenti, potrebbe trovarsi a un bivio. Sebbene una copertura completa possa attrarre un pubblico diversificato, potrebbe anche diluire l’esperienza percepita in campi specializzati come la SEO. Questo fenomeno non è esclusivo di Forbes; anche un gigante dell’informazione come Wikipedia, noto per i suoi contenuti esaustivi, non rientra nell’elenco nonostante disponga indubbiamente di una sezione SEO completa. L'ipotesi di fondo? L’algoritmo di Google, nel suo tentativo di fornire agli utenti i contenuti più pertinenti e autorevoli, potrebbe dare la priorità ai domini che mostrano competenze coerenti e profonde in nicchie specifiche. Le strategie di contenuto ampio, sebbene preziose per la conoscenza generale, potrebbero non essere viste come pionieristiche in campi specializzati. Se Forbes continua ad allontanarsi dai suoi argomenti principali, potrebbe rischiare di posizionarsi nelle classifiche SERP per nicchie specifiche. Questa tendenza suggerisce che Google potrebbe essere incline a premiare la specializzazione coerente rispetto alla generalizzazione.

L'influenza della specializzazione di nicchia nel SEO

L’algoritmo di Google spesso favorisce i domini con contenuti focalizzati sulla nicchia. Questa preferenza non si basa su metriche tipiche come DA/PA ma piuttosto sulla specificità del contenuto. Consideriamo ad esempio il mercato del caffè online:
  1. Rivenditore ad ampia base: “CoffeeHouse.com” offre una vasta gamma di prodotti e accessori per il caffè.
  2. Focus sulla nicchia: “EspressoEnthusiast.com” è specializzato esclusivamente in articoli relativi all'espresso.
  3. Specializzazione di iper-nicchia: “SingleOriginEspresso.com” si rivolge esclusivamente a chicchi di caffè espresso monorigine.
Nel panorama di ricerca di Google:
  • “CoffeeHouse.com” potrebbe essere riconosciuto per la sua varietà, ma non si classifica altrettanto bene a causa della sua ampia focalizzazione.
  • È probabile che “EspressoEnthusiast.com” ottenga un posizionamento più elevato per le query sull’espresso a causa della sua strategia di nicchia.
  • “SingleOriginEspresso.com” ha una forte probabilità di dominare le ricerche specifiche sull’espresso monorigine.
In sostanza, nella SEO la specificità spesso supera l’ampiezza. Se costruisci un'attività attorno a una nicchia specifica, è probabile che Google favorisca il tuo dominio rispetto a concorrenti più ampi.

Flusso di fiducia e flusso di citazioni

Flusso di fiducia e flusso di citazioni

  • Flusso delle citazioni: questa metrica misura sia la quantità che la qualità dei backlink in entrata verso un sito web. La sua enfasi è sul potere o “equità” che un collegamento comporta.

  • Flusso di fiducia: Una metrica più raffinata, Trust Flow valuta il calibro di questi backlink. Si concentra sull'affidabilità dei domini di collegamento in base alla loro credibilità e autorità nello spazio web.

  • Pagina autorità: L'autorità della pagina è stata aggiunta qui come riferimento a CT e TF, inoltre il PA visualizzato è l'URL esatto. Non per il dominio principale.

PA, CF, TF metric data for "WordPress SEO" exact URL data

Trust Flow (TF), Citation Flow (CF) e Page Authority (PA) di ciascun dominio (URL esatto)

Risultati dai dati PA, TF e CF (URL esatto)

PA elevata ma CF e TF divergenti:

  • wordpress.org si distingue con un impressionante PA di 88. Mentre i suoi CF e TF sono rispettivamente alti a 53 e 56, è chiaro che questo dominio ha un equilibrio tra quantità e qualità dei backlink.
  • Al contrario, wordpress.com ha un PA di 69, ma CF e TF sono notevolmente inferiori a 9 e 10. Ciò suggerisce che, sebbene la pagina stessa sia autorevole, i suoi backlink potrebbero non essere altrettanto robusti o affidabili.

Coerenza tra i migliori giocatori:

Siti web come wpbeginner.com E searchenginejournal.com mostrano una relazione armoniosa tra le loro metriche CF e TF. I loro backlink sono abbondanti e affidabili, consolidando la loro posizione nelle migliori SERP.

Disparità nelle metriche:

Alcuni domini come semrush.com E hostinger.com presentano notevoli differenze tra i punteggi CF e TF. Ciò indica una potenziale abbondanza di backlink, ma non tutti potrebbero provenire da fonti affidabili.

Giocatori emergenti e parametri:

rankmath.com si presenta come un caso interessante. Nonostante sia più recente nel gioco del dominio, vanta un encomiabile CF di 48 e TF di 30. Ciò dimostra il loro impegno concentrato nel raccogliere backlink di alta qualità.

Focus vario, punteggi vari:

È intrigante osservare forbes.com Ancora. Con un PA di 66, dimostra autorità. Tuttavia, i suoi CF e TF a 29 e 17 suggeriscono che, sebbene abbia un profilo di backlink decente, potrebbe mancare in termini di affidabilità, forse a causa della sua più ampia attenzione ai contenuti.

Le metriche rivelano una profonda interazione tra il numero e la qualità dei backlink ricevuti da un dominio. Mentre un CF più alto indica un numero maggiore di backlink, un TF equilibrato indica la credibilità di questi backlink. I siti con un focus ristretto e specializzato spesso raccolgono vantaggi in entrambi i parametri, poiché la loro specificità di contenuto attrae backlink di qualità. D’altra parte, i domini più ampi, nonostante la loro autorità, potrebbero non sempre riflettere un’elevata affidabilità, sottolineando la necessità di una strategia di backlink ben curata.

Conteggio delle parole

Wordcount per domain for query "WordPress SEO"

Descrizione del grafico di esempio

Parole chiave utilizzate

On page keywords "seo", "wordpress" and "wordpress seo".

Fare clic sui filtri sottostanti per individuare i dati.

IL Il mito del “Contenuto è Re”

L’antico proclama: "Il contenuto è re." Il volume dei contenuti esercita ancora lo stesso potere nell’influenzare le classifiche? Ecco un approfondimento sui contenuti;

Il caso del giornale dei motori di ricerca

Search Engine Journal, un nome che risuona con l'ottimizzazione della ricerca, si colloca alla posizione n. 7 con un conciso 687 parole. A prima vista, questa posizione non rafforza necessariamente il sentimento “il contenuto è sovrano”. Ma un’analisi più approfondita del loro sito rivela una strategia più ampia. La loro pagina di destinazione principale non è solo un articolo autonomo; funge da gateway, suddividendo l'argomento in 17 capitoli distinti o post WordPress più piccoli.

Punti chiave:

  • Conteggio parole: 687 parole
  • Strategia: Argomento suddiviso in 17 capitoli collegati da una pagina principale.
  • Coinvolgimento: La pertinenza dell'argomento e la strutturazione del sito potrebbero essere cruciali quanto il volume dei contenuti.

Kinsta e Yoast: contesto rispetto al volume

Kinsta, conosciuta nel mondo degli hosting, presenta un prodotto gigantesco 19.148 parole e conquista la posizione n. 10. Il confronto tra Kinsta e SEO Yoast dipinge un quadro più chiaro. Sebbene il volume dei contenuti di Kinsta sia encomiabile, il suo contesto non è così focalizzato sul “WordPress SEO” come Yoast, un marchio sinonimo di ottimizzazione di WordPress. Nel frattempo, Yoast, il maestro SEO di WordPress, non solo lascia il segno al terzo posto, ma mantiene sfacciatamente anche il primo posto attraverso un collegamento WordPress.org. Ora, non so voi, ma ospitare il vostro plugin come “wordpress-seo” su WordPress.org? Questo è un inizio SEO esperto proprio lì, Yoast. Giù i cappelli!

Punti chiave:

  • Il conteggio delle parole di Kinsta: 19.148 parole
  • Il doppio vantaggio di Yoast: Si trova al terzo posto ma è presente anche al primo posto tramite WordPress.org.
  • Coinvolgimento: il contesto e l'associazione al marchio potrebbero avere più peso della semplice massa di contenuti.

L'anomalia di WordPress.com

Al quinto posto, la pagina WordPress.com/support/seo è un enigma. Viene menzionato per “SEO” e “WordPress”, ma stranamente perde il termine “WordPress SEO”. A prima vista, non sembra preparato per quella parola chiave specifica. Eppure, la potenza del loro dominio, abbinata al Percorso “/seo”., un rispettabile numero di parole di 1.469 e una Domain Authority (DA) stellare di 94, lo spingono a un rango encomiabile.

Punti chiave:

  • Menzioni di parole chiave: “SEO” (24), “WordPress” (28), “WordPress SEO” (0)
  • Forza del dominio: DA 94 con percorso “/seo”.
  • Coinvolgimento: L'autorità del dominio e la strutturazione dell'URL potrebbero avere un impatto significativo sul posizionamento, a volte anche più dell'ottimizzazione esatta delle parole chiave.
URLVelocità della paginaPunteggio delle prestazioniConteggio delle paroleAutorità di dominioAutorità della paginaFlusso di citazioniFlusso di fiduciaIP di riferimentoFollower su FacebookCondivisioni su FacebookSEOWordPressSEO di WordPressPagina URPagine di riferimentoDomini di riferimentoPA (URL esatto)Flusso delle citazioni (URL esatto)Flusso di fiducia (URL esatto)IP di riferimento (URL esatto)
https://wordpress.org/plugins/wordpress-seo/2,2394295699100879690670613708221949311784013477650020008853568468
https://www.wpbeginner.com/wordpress-seo/1,74614990836061661745741667557241311985436506001100604946391
https://yoast.com/wordpress-seo/2,878910505847062642694624853494661921212831105002300614635616
https://wordpress.com/support/seo/1,718214699410071815006607507349408302428011144926991056
https://www.semrush.com/blog/wordpress-seo/1,335983668869656847767168367690819184161931815355341854
https://www.searchenginejournal.com/wordpress-seo/1,617368789656260374342092788389425292074120457504282
https://blog.hubspot.com/marketing/wordpress-seo2,58912506937377741044251229423245794776151345115360281463
https://www.hostinger.com/tutorials/wordpress-seo-tips2,8310095467166603831645197548108191152144551984713959341852
https://kinsta.com/blog/seo-tips/1,995919148836661371828423794160321928052668920945421614
https://rankmath.com/wordpress/plugin/seo-suite/1,591009204496451308553742338003156142875001100564830582
https://aioseo.com/ultimate-wordpress-seo-guide/2,17923972475750344271284024310252281628016047301967
https://ahrefs.com/blog/wordpress-seo/0,98972660837463463797510438622967612931684420957361796
https://www.elegantthemes.com/blog/wordpress/wordpress-seo1,48764452907069918543315663318229143103327271251232411
https://zapier.com/blog/best-wordpress-seo-plugins/2,1963297879726043305714387736293714749206004026131
https://themeisle.com/blog/essential-seo-settings-wordpress/1,5992820658061428283737092819249640111334357281420
https://www.forbes.com/advisor/business/wordpress-seo/1,94482316947978822526206965362670116673640550026666291757

Conclusione

Nel vasto panorama della SEO, molteplici fattori interagiscono per decidere il posizionamento di una pagina web, soprattutto per termini competitivi come “WordPress SEO”. La nostra analisi dettagliata ha rivelato diverse intuizioni interessanti, alcune previste e altre che sfidano la saggezza convenzionale.

  1. Page Speed & Performance: In particolare, sebbene la velocità della pagina sia un fattore riconosciuto che influenza l’esperienza dell’utente e potenzialmente la SEO, la sua correlazione diretta con il ranking non è lineare. Siti come Yoast, che hanno sottoperformato in termini di velocità, mantengono ancora una posizione dominante. Ciò indica che, sebbene la velocità sia fondamentale, non è l’unico biglietto per raggiungere la vetta.

  2. Autorità di dominio e pagina: I pesi massimi come WordPress.org hanno mostrato DA e PA prevedibilmente elevati. Tuttavia, i nuovi concorrenti come RankMath e AIOSEO hanno dimostrato che con le giuste strategie, anche i siti Web con DA/PA inferiori possono competere. Sottolinea l’importanza della pertinenza e del contesto nel gioco SEO di oggi.

  3. Pagine e domini di riferimento: L'equilibrio tra il numero di domini di riferimento e le pagine di riferimento effettive è stato fondamentale. Siti come Forbes, con la sua ampia strategia di contenuti, hanno sottolineato che il semplice volume non garantisce il primo posizionamento. Nel frattempo, i siti focalizzati sulla nicchia, pur avendo meno backlink, sono arrivati ​​in cima, sottolineando l’importanza della qualità e della pertinenza rispetto alla quantità.

  4. Flusso di fiducia e flusso di citazioni: I dati hanno messo in luce alcune disparità, ma anche un modello. Mentre i migliori giocatori hanno mostrato punteggi coerenti, i siti emergenti hanno mostrato parametri diversi. Ciò dimostra che, sebbene i parametri tradizionali di fiducia e citazione siano importanti, non sono gli unici determinanti.

  5. Keyword Density & Content: Il mito “Content is King” è stato sfatato. Siti come Search Engine Journal, con molti meno contenuti, si classificano in modo efficace. Non è solo una questione di quantità ma di qualità, pertinenza e contesto. Kinsta e Yoast lo hanno ulteriormente enfatizzato con il loro approccio contesto-volume. Anomalie come WordPress.com, con un utilizzo di parole chiave praticamente trascurabile, pur mantenendo una posizione in classifica, sottolineano il potere dell’autorità di dominio e della fiducia degli utenti.

  6. Interazione di strumenti: Affidarsi a un unico strumento o parametro potrebbe essere fuorviante. Analizzando i dati di Ahrefs, Moz e Majestic, è diventato evidente che un approccio integrato, esaminando varie metriche insieme, produce le informazioni SEO più accurate.

Asporto finale: Il panorama SEO non è puramente in bianco e nero. Opera su uno spettro in cui pertinenza, qualità e contesto sono fondamentali. Le metriche tradizionali come velocità, DA, PA e backlink continuano ad avere importanza. Tuttavia, il loro valore viene spesso valutato rispetto alla pertinenza dei contenuti e all’intento alla base delle ricerche degli utenti. Questa analisi sottolinea un messaggio fondamentale per gli esperti di marketing digitale: sebbene le informazioni basate sui dati siano vitali, interpretarle nel contesto dell’esperienza utente e della pertinenza dei contenuti è fondamentale per un successo SEO duraturo.

Come LinkLoomer risolve i moderni problemi SEO

accedere LinkLoomer. In questo complesso labirinto della SEO, LinkLoomer emerge come un faro, affrontando abilmente queste sfide. Generando collegamenti basati sul contesto in tempo reale di post, titoli e tag, LinkLoomer garantisce che il contenuto presentato all'utente non sia solo correlato ma veramente pertinente. Ciò è in linea con l’intento dell’utente, favorendo un’esperienza sul sito più ricca. Integrando questo approccio innovativo, le aziende possono intrecciare perfettamente la potenza dei dati con l’essenza della rilevanza contestuale, segnando un passo avanti significativo nelle moderne pratiche SEO.

Nessun commento ancora, aggiungi la tua voce qui sotto!


Aggiungi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *